Biocard™

CELIAC TEST

Rileva la presenza di anticorpi associati alla celiachia in meno di 10 minuti!

SCOPRILO PRIMA, TRATTALO PRIMA, VIVI IN SALUTE

BIOCARD™ CELIAC TEST è uno strumento utile nella diagnosi precoce della celiaca. Il test è semplice e rapido, ha elevata qualità ed affidabilità e permette di rilevare gli anticorpi specifici della celiaca.

BIOCARD™ Celiac Test

BIOCARD™ Celiac Test è un test rapido, veloce ed affidabile per il rilevamento di autoanticorpi associati alla malattia celiaca, con una goccia di sangue capillare

Il Biocard™ Celiac Test è un test autodiagnostico brevettato per una rapida identificazione degli anticorpi anti-tTG IgA associati alla malattia celiaca tramite un semplice prelievo di sangue dal polpastrello. Data la sua alta specificità e sensibilità questo test può essere usato come aiuto nella diagnosi della celiachia, ma ricordiamo che la diagnosi finale e definitiva spetterà al medico.
Il test richiede richiede solo 1 goccia di sangue (10 microlitri) preso da un polpastrello e può essere effettuato e valutato in 10 minuti. Il tutto è praticamente indolore.
Biocard™ Celiac Test è anche un ottimo strumento per monitorare l’efficacia di una dieta priva di glutine una volta iniziata (solo su indicazione e consiglio del medico)

1 kit del Biocard™ Celiac Test contiene:

  • 1 puoch in alluminio contenente la cassetta reattiva
  • 1 pungidito sterile automatico
  • 1 flacone contenente 0,5 mL di soluzione tampone
  • 1 cerotto
  • 1 salviettina disinfettante
  • 1 foglietto istruzioni

Celiachia : cosa c’è da sapere

Cosa è la celiaca?

La Celiachia è una malattia auto-immune che colpisce l’intestino tenue. Nei soggetti geneticamente predisposti l’assunzione di alimenti contenenti glutine, o tracce di esso, induce una reazione immunitaria anomala dell’intestino tenue. Ne consegue una infiammazione cronica dell’intestino che ha come conseguenza la scomparsa dei villi intestinali. Nell’individuo sano la parete dell’intestino è rivestita da villi aventi la funzione di assorbire dagli alimenti le sostanze nutritive essenziali. Nell’individuo celiaco i villi regrediscono e la mucosa intestinale è danneggiata in misura proporzionale alla gravità dell’infiammazione, per cui l’intera superficie di assorbimento delle sostanze nutritive si riduce o scompare completamente provocando scompensi e malnutrizione.
La malattia celiaca può essere anche potenziale, in cui il paziente ha una familiarità positiva per malattia celiaca e ha gli anticorpi antiendomisio e antitransglutaminasi positivi ma mancano le tipiche lesioni.
Tra i fattori individuali si evidenzia la familiarità che è una condizione necessaria ma non sufficiente per lo sviluppo della patologia. La transglutaminasi tissutale è l’autoantigene contro cui si formano gli autoanticorpi antiendomisio (o antitransglutaminasi) i quali servono per la diagnosi sierologica. La transglutaminasi degrada il glutine che porta alla formazione di complessi che sono il bersaglio degli autoanticorpi.

Che cosa causa la celiachia?

La Celiachia è causata da una reazione al glutine, cioè a varie proteine che sono presenti nel grano o in altri cereali come l’orzo, la segale, il farro, il kamut

La celiachia è correlata all’età?

Le prime manifestazioni si possono avere anche allo svezzamento, possono persistere nell’infanzia fino a sparire durante l’adolescenza, per poi ripresentarsi nell’età adulta. E’ anche possibile che i sintomi compaiano nell’età adulta in concomitanza di patologie o periodi particolari come la gravidanza.  La differenza sintomatologica è data dalla differente estensione delle lesioni intestinali

Quali sono i sintomi della celiachia?

Sintomi e segni suggestivi di questa patologia :

  • Disturbi intestinali cronici (dolore addominale, stipsi, diarrea, meteorismo, alvo alterno)
  • Steatorrea (notevole aumento della quantità di sostanze grasse indigerite nelle feci)
  • Stomatite aftosa ricorrente
  • Ipoplasia dello smalto dentario
  • Scarso accrescimento staturale
  • Ipertransaminasemia
  • Sideropenia (con o senza anemia)
  • Stanchezza cronica
  • Rachitismo, osteopenia, osteoporosi
  • Dermatite erpetiforme
  • Artrite, artralgia
  • Alopecia
  • Anomalie dello sviluppo puberale
  • Orticaria ricorrente
  • Disturbi della fertilità (abortività spontanea, menarca tardivo, menopausa precoce, infertilità)
  • Complicanze della gravidanza
  • Iposplenismo
  • Disturbi del comportamento alimentare (anoressia nervosa)
Perché favorire la diagnosi precoce della celiachia?

Da malattia rara e limitata alla prima infanzia la Celiachia si è trasformata in pochi anni in una condizione di frequente riscontro, con possibile manifestazione in ogni età della vita, inclusa quella geriatrica.  Si nasce con una predisposizione genetica alla celiachia, ed è quindi una condizione che potrà svilupparsi in qualsiasi età della vita per l’intervento di co-fattori ambientali in grado di scatenarne l’insorgenza (da una alimentazione ricca di glutine allo stress, infezioni, gravidanza….). Nonostante negli ultimi anni ci sia stata una maggiore attenzione, l’iceberg della celiachia rimane ancora in gran parte sommerso : a fronte delle 600.000 persone attese nella popolazione italiana (si stima infatti che l’1% della popolazione caucasica sia celiaca), ne sono state diagnosticato solo 172.000.  Diagnosi tardive vuol dire anni ed anni di sofferenze da parte dei pazienti che a causa del ritardo diagnostico sono esposti al rischio di sviluppare patologie autoimmuni più gravi.

Il BIOCARD Celiac test è quindi uno strumento diagnostico utile per aiutare nella diagnosi precoce della celiachia. E’ un test semplice ed efficace che può essere fatto comodamente a casa propria. E’ rapido (solo 10 minuti) ed è un test di elevata qualità & affidabilità.

SCOPRILA PRIMA. TRATTALA PRIMA. VIVI IN SALUTE.

Come si fa la diagnosi?

Attraverso i test di screening, che vanno a quantificare gli anticorpi specifici, è stato dimostrato che è una patologia molto frequente nelle popolazioni caucasiche, sia adulti che bambini. La malattia celiaca è una patologia multifattoriale, sono implicati sia fattori genetici che ambientali. Alti livelli ematici di anticorpi antiendomisio e anticorpi antigliadina. Spesso questi indici si negativizzano dopo l’eliminazione del glutine dietetico. Dopo la diagnosi sierologica è necessario effettuare delle biopsie duodenali attraverso endoscopia per dimostrare la presenza delle lesioni intestinali caratteristiche. E’  possibile effettuare anche i test anticorpali alla ricerca degli anticorpi specifici. Tutte le indagini è necessario eseguirle mantenendo inalterata la dieta usuale.

La celiachia si cura con i farmaci?

La celiachia non si cura con i farmaci.  La terapia consiste nella sospensione dell’introduzione del glutine con la dieta, che deve essere molto rigorosa e seguita scrupolosamente per tutta la vita.

Effettuando una dieta priva di glutine, il livello degli anticorpi IgA tenderà a calare. Il loro valore tenderà poi a scomparire del tutto nel giro di alcune settimana, massimo 6 mesi dall’inizio di una simile dieta. Per tale motivo, potrebbe verificarsi un test con esito negativo in una persona che stia seguendo una dieta priva di glutine.

Scopri anche

h

HPT

É un test autodiagnostico per la ricerca da sangue capillare degli anticorpi anti-Helicobacter pylori IgG, immunoglobuline che si riscontrano laddove il soggetto ha contratto l’infezione.

Vai

SCARICA IL FOGLIO ILLUSTRATIVO

Scopri di più sul il contenuto della scatola, la procedura e come interpretare i risultati
SCARICA