baby-boy-1508121_960_720Nei bambini la celiachia si presenta normalmente tra i 6 mesi e i 12 anni di vita, ovvero quando si cominciano a introdurre prodotti contenenti glutine nella loro dieta. I sintomi caratteristici sono quelli gastrointestinali come vomito, diarrea, perdita di peso e di conseguenza, in molti casi, un arresto della crescita staturale causato da un malassorbimento dei nutrimenti più importanti.

Come per gli adulti il modo corretto per trattare la patologia è un regime dietetico che estrometta dall’alimentazione del bambino tutti i prodotti contenenti il glutine. Però, a differenza degli adulti, la cura della celiachia in età infantile deve tener conto di diversi aspetti: clinici, nutrizionali, psicologici, familiari. Questo perché la diagnosi viene fatta durante l’età evolutiva: un periodo in cui il corpo è soggetto a numerosi cambiamenti.

Da non sottovalutare è la dinamica famigliare, infatti dopo la definitiva diagnosi, la famiglia deve intraprendere un percorso di adattamento e una riorganizzazione dello stile di vita che coinvolge tutti i suoi componenti.
La dieta del bambino celiaco, se organizzata in maniera corretta con stoviglie dedicate, organizzazione della dispensa con alimenti senza glutine separati da quelli del resto della famiglia, acquisto dei prodotti certificati, può portare a ottimi risultati che migliorano nettamente la sua salute .
Il tutto senza dimenticare l’inventiva e l’estro in cucina apprendendo ricette nuove e gustose che possano rendere varia e più piacevole la dieta quotidiana. Altro punto fondamentale è informare la mensa scolastica delle intolleranze del bambino in modo tale che ci si adegui di conseguenza preparando piatti specifici.